La gestione delle ulcere degli arti inferiori – Il ruolo del flebologo

di Sandro Castagnoli

Chi si occupava di ulcere degli arti inferiori 30 anni fa poteva supporre che il miglioramento delle condizioni socio-igienico-sanitarie, avrebbe determinato una drastica riduzione di queste patologie.
In realtà ciò non è accaduto ed i nostri ambulatori sono a tutt’oggi frequentati da pazienti, non solo sempre più numerosi, ma anche sempre più anziani e molto spesso affetti da patologie multiple.
Le ulcere con componente vascolare vengono classicamente definite come: venose pure – arteriose (gangrene) – miste (arteriose + venose) – a genesi mista o multifattoriali.
In queste ultime si sommano danni macro e microcircolatori che debbono essere assolutamente identificati per una terapia corretta.
L’aumento dell’età media e la concomitanza con altre patologie comporta, nella maggioranza dei pazienti, una serie di concause associate a quella predominante, per cui è sempre più difficile trovare forme del tutto pure.
Sempre per questi motivi un paziente affetto da un ulcera degli arti inferiori può giungere all’osservazione ed essere preso in cura sia del medico di medicina generale, che da vari specialisti, di volta in volta il dermatologo, il diabetologo, l’angiologo, ecc. Leggi tutto

Potresti essere interessanto anche a...